Nintendo è da anni indice di qualità ed innovazione, rivelandosi capace nel tempo di interpretare in modi sempre nuovi il concetto di videogioco.

In uno degli ultimi Q&A tenuti da Nintendo il presidente Shuntaro Furukawa ha parlato di questo al pubblico, ribadendo la loro voglia di percorrere nuove piste in grado di garantire esperienze sempre diverse ai videogiocatori.

Anche Shigeru Miyamoto si è espresso a riguardo, in occasione dell’ottenimento del premio Persona dai meriti culturali, diventando il primo programmatore di videogiochi a vincere tale riconoscimento.

Lo storico creatore di The Legend of Zelda e Super Mario ha parlato proprio di quest’ultimo personaggio, ormai da anni simbolo della grande N, paragonandolo a Topolino.

Effettivamente, sia Mario che Topolino rappresentano al meglio due enormi aziende e sono personaggi famosi e riconoscibili ormai da chiunque.

Miyamoto ha affermato di aver creato Mario ed i suoi giochi senza alcun riferimento religioso, per renderlo quanto più universale possibile, ma rimanendo allo stesso tempo sempre molto familiare.

Egli ritiene però che Mario non possa essere messo a confronto con l’universo Disney.

Questo perché, diversamente dalla visione di cartoni animati Disney, non tutti i genitori permettono ai propri figli di giocare con console e videogiochi.

Tutto ciò rende quindi quasi impossibile confrontare a pieno Nintendo e Disney, almeno fino a quando questa situazione non si evolverà in meglio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui