Nintendo, una fra le multinazionali nipponiche più conosciute all’estero, ha licenziato, come previsto dal codice di commercio imperiale giapponese, alcuni report riguardo l’equilibrio economico, finanziario e patrimoniale dell’impresa, unitamente ad altri documenti componenti il bilancio. Spulciando questa documentazione, si è potuto risalire ai compensi e all’età medi delle risorse umane impiegate in Nintendo, direttamente assunte dalla grande N.

Se desiderate essere aggiornati sulle ultime novità, seguiteci pure su tutti i nostri social!

In particolare, i dati si riferiscono all’anno fiscale nipponico appena trascorso, ovvero del periodo aprile 2019 – marzo 2020, da cui, attraverso opportune manipolazioni statistiche, si può risalire, oltre che al numero complessivo di dipendenti direttamente assunti dalla compagnia, anche al compenso corrispostegli, la distribuzione geriatrica (età) e l’anzianità di servizio (da quanti anni dura il rapporto).

Al 31 marzo 2020, secondo quanto riportato nel report, il numero complessivo di dipendenti è pari a 2395, con un’età media di 39,2 anni, un’anzianità di servizio di 13,9 anni e con un salario medio di 9350972 yen, al cambio 86583 dollari statunitensi.* Da questi dati è possibile valutare come l’azienda provveda a remunerare mediamente i dipendenti adeguatamente al lavoro da essi svolto, compatibilmente con il decisamente maggiore costo della vita nipponico, inoltre tende a non rinnovare frequentemente il personale, investendo maggiormente nella loro formazione. Voi cosa ne pensate?

*Definizioni e note esplicative di corredo in merito all’analisi statistica riportata

Nel numero di dipendenti sono compresi unicamente i lavoratori assunti direttamente dalla compagnia, che provvedono a godere di un compenso e che hanno prestato effettivamente l’attività lavorativa, e non assunti mediante contratti di formazione, di collaborazione o di stage. Sono, inoltre, esclusi dal computo sia i dirigenti, che ogni figura apicale la cui nomina sia discrezionalmente decisa dal Consiglio di amministrazione della compagnia, oltre ai lavoratori autonomi, nonché i lavoratori che lavorano per Nintendo ma assunti da altre società. Il numero dei dipendenti tiene conto anche dei lavoratori assunti o cessati nel corso dell’anno fiscale, limitamente per la parte di anno in cui hanno prestato servizio. Per quanto riguarda i compensi, sono computate unicamente le retribuzioni base fisse incrementate delle indennità riconosciute abitualmente per effetto del servizio prestato, al netto delle retribuzioni erogate in beni o servizi (benefit), titoli, o riguardante lavoro straordinario, e delle rendite generate dai titoli posseduti.

Cosa ne pensate? Vi aspettavate questi dati dal report di Nintendo? Fatecelo sapere sul nostro gruppo Telegram! Inoltre, se volete rimanere aggiornati sulle ultime notizie dal mondo Nintendo e non solo, vi consigliamo di iscrivervi ai nostri canali Youtube Telegram! Trovate tutti i social sopracitati, e anche di più, a questo link!

Infine, se volete acquistare il Pass d’Espansione di Pokémon Spada Scudo (o molti altri contenuti digitali) a un prezzo scontato, supportando anche Pokémon Next, potete farlo coi nostri link di Instant Gaming!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui