Aerial_Knight’s Never Yield – Recensione: un runner futuristico

-

Aerial_Knight’s Never Yield, videogioco indie sviluppato da Headup, è un endless runner ambientato nel futuro che può essere giocato comodamente su Playstation, Xbox, PC e su Nintendo Switch – la versione da noi provata. Allacciatevi le scarpe e preparatevi a correre con noi in questa recensione!

Segui le novità e commenta con tanti altri Allenatori seguendoci su Telegram, Instagram e altri nostri social: https://bit.ly/3i0IKKR

Correre contro il proprio destino: la trama

Nell’endless runner Aerial_Knight’s Never Yield la trama è molto semplice, ma tuttavia durante il gameplay essa non era troppo chiara, dato che questa viene raccontata – tra i 13 livelli necessari a terminare il gioco – attraverso cutscene molto corte e non completamente comprensibili.

Ci troviamo nei panni di Wally, un ragazzo di una Detroit futuristica dalla quale deve fuggire, in quanto è rincorso continuamente da furgoni, droni e sonde pronto a metterlo K.O. Il motivo? Il ragazzo è entrato in possesso di informazioni top secret del quale nessuno deve conoscere il contenuto, e dunque egli diviene il bersaglio delle forze dell’ordine.

Il gameplay

Il gameplay in sé è molto semplice, anche grazie ai pochissimi comandi disponibili. Durante la spietata corsa di Wally ci troveremo davanti oggetti da saltare come furgoni o dirupi, cartelli da scavalcare, tubi e bombe sotto alle quali scivolare e vetri da infrangere con lo scatto. Ebbene, queste azioni sono eseguibili semplicemente premendo i pulsanti direzionali del controller: in su per saltare, verso sinistra per scavalcare, verso destra per scattare ed infine verso il basso per scivolare.

Data la bassa quantità di comandi, si possono comodamente usare anche le levette analogiche o i pulsanti A, B, X, Y per eseguirli: un punto decisamente a favore che permette al giocatore di gestirsi il livello come meglio crede.

Tuttavia dall’altro lato è proprio l’assenza di troppi comandi e variazioni che rende il gioco ripetitivo – e se si vuole anche noioso – fino alla fine, dato che si presentano sempre gli stessi ostacoli da evitare nella maggior parte dei livelli.

Inoltre, il gioco è sembrato fin troppo facile dal punto di vista della difficoltà affrontata, che si concentra maggiormente giusto tra gli ultimi livelli, soprattutto il numero 13, molto più difficile, frenetico e lungo rispetto agli altri: una irregolarità insomma non proprio piacevole.

In totale, vi sono 3 modalità di gioco:

  • Quella normal, che presenta un grande effetto slow motion e indicazione anticipata del tasto da premere per il prossimo ostacolo, attraverso un effetto del colore corrispondente all’acrobazia da eseguire;
  • Quella hard, medesima della normale, dove però l’effetto slow motion dura meno tempo;
  • infine quella insane, che non presenta lo slow motion e l’avvertenza appena citata, e aggiunge più ostacoli.

Il menù di gioco, che stile!

Il menù con il suo stile grafico è una delle cose che più colpisce. Questo viene presentato con una grafica a scorrimento molto apprezzabile per scegliere le varie opzioni, tra cui: avviare la partita dal livello in cui eravamo rimasti, scegliere outfit vari per Wally – che vengono sbloccati dopo il completamento dei livelli (tra cui uno esclusivo per i giocatori di Switch che richiama i Joycon), e rigiocare i livelli già completati.

Gli ambienti e la corsa: il comparto tecnico

Sin dal prologo di Aerial_Knight’s Never Yield, dove vengono spiegati i comandi, il movimento della corsa non è sembrato del tutto stabile. Tuttavia, ciò potrebbe essere giustificato dalla presenza di una protesi nella gamba sinistra del protagonista…

Gli ambienti sono vari: si passa da foreste, alla periferia, a uffici, a correre su palazzi in lungo e in largo, insomma i classici luoghi di una grande città (in questo caso Detroit). Gli ambienti nella versione per Nintendo Switch sono ben curati, come anche i vari effetti – tra esplosioni e il senso di velocità acquisita durante lo scatto. Tuttavia nelle varie transizioni di fine livello, o quando magari bisogna affrontare una grande acrobazia (come un salto tra palazzi), vi è qualche leggero calo di framerate, ma che non influisce in sé nel gameplay.

Altra nota dolente, ma non così determinante per l’esperienza del gioco, è l’assenza della lingua italiana, nonostante molte altre siano disponibili.

Correre con stile: le ost

Il punto di forza che ho individuato in Aerial_Knight’s Never Yield sono le musiche di gioco: nei livelli si viene avvolti da una piacevole musica jazz-rap che riesce a dare un buon ritmo al gioco, così come durante i caricamenti e il menù iniziale.

Corsa terminata: le conclusioni

Aerial_Knight’s Never Yield, il nuovo endless runner di Headup, è un gioco che francamente lascia un po’ di amaro in bocca. All’inizio il gioco mi era parso valido, ma poi approfondendo bene la questione della trama e notando la quasi somiglianza dei livelli, tralasciando le ambientazioni che sono varie, mi sono ricreduto. La ripetitività delle azioni e la trama sono gli elementi che più hanno influito negativamente sul gioco, facendomelo calare l’interesse e non offrendo un’esperienza troppo soddisfacente.

Tuttavia, il titolo è ampiamente consigliato a chi piacciono gli endless runner. Se desiderate essere liberi da trame, vicissitudini e quant’altro, e giocare per il gusto di schivare solo degli ostacoli (che alla fine è lo scopo del gioco), questo titolo fa per voi.

Ma siccome nei livelli vengono narrati, anche se brevemente, dei fatti che aiutano il giocatore a capire perché Wally stia scappando, bisogna dire che da questo lato il titolo non ha saputo esprimere ciò che avrebbe dovuto comunicare.

Voto: 5/10

Vi ricordiamo che potete trovare Aerial_Knight’s Never Yield comodamente sul Nintendo E-Shop di Nintendo Switch al prezzo di 11.99 Euro, e che potete provare 3 dei 13 livelli nella demo gratuita disponibile!