LEGO Bricktales, l’importanza di allenare la creatività

I LEGO sono probabilmente uno dei giocattoli più conosciuti e amati al mondo da grandi e piccini, senza limiti di età. L’utilizzare dei blocchi da costruzione per creare con le proprie mani oggetti, mondi, personaggi, ambientazioni e tanto altro è da sempre uno dei principali motivi per cui questa tipologia di giochi riscuote un grande successo nonostante il passare degli anni. La necessità di creare e allenare la mente all’immaginazione è probabilmente una delle più grandi capacità dell’uomo e sicuramente utilizzarla come passatempo non può che essere stimolante oltre che educativo per i più piccoli. Per questo scopo, LEGO Bricktales potrebbe essere l’alleato ideale!

Entra nel Gruppo Telegram di Pokémon Next per seguire tutte le novità e commentarle con gli altri utenti: http://bit.ly/2F95vcD

LEGO Bricktales è uno di quei giochi il cui principale obbiettivo è quello di far divertire e rilassare il giocatore, ma anche dargli nuovi punti di vista per quanto riguarda la creatività. Il gameplay del titolo si incentra sul costruire strutture, risolvere puzzle, aggiustare oggetti e completare compiti con l’obbiettivo di aiutare l’altro. L’ultima opera della casa di sviluppo austriaca ClockStone, che abbiamo avuto la possibilità di provare, si basa sul concetto del divertirsi costruendo; al contrario magari degli ultimi titoli della serie di videogiochi LEGO che portavano il giocatore a giocare più un’avventura strategica e d’azione piuttosto che un gioco dove costruire.

La possibilità di arricchire il mondo di gioco con le proprie creazioni

La trama del gioco è molto semplice e fa capire sin da subito a che target vuole puntare, ovvero quello dei più piccoli. La storia racconta del protagonista e del suo compito di aiutare suo nonno a ricostruire un parco divertimenti ormai in rovina. Grazie all’aiuto di Rusty, un drone senziente, i due inizieranno a viaggiare per diversi mondi alla ricerca dei Cristalli delle Felicità, in grado di attivare una macchina che riparerà le attrazioni del parco. Per ottenerli, bisognerà completare delle piccole missioni e risolvere dei problemi per gli abitanti dei mondi. Il vero gioco inizia proprio con queste missioni, le quali consistono in puzzle, recuperare oggetti, salvare personaggi e molto altro; tuttavia, alla base di questi favori, ci verrà richiesto di costruire o riparare qualcosa.

In questi momenti di costruzione usciremo da quello che è il mondo di gioco principale in 3D e ci troveremo in una zona apposita dove i materiali da costruzione sono numerati, ma non è obbligatorio utilizzarli tutti. L’esempio più frequente è quello di costruire ponti, il che può sembrare semplice, ma bisogna porre particolare attenzione alla robustezza e alla stabilità della propria creazione. Ciò che il giocatore utilizzerà per attraversare dirupi e ponti saranno infatti le sue stesse costruzioni.

In alcune prove verrà poi richiesto di utilizzare una quantità minima di pezzi o dei blocchi speciali che saranno poi parte integrante della costruzione (ad esempio un sedile e un’elica nella costruzione di un elicottero). Non si potranno superare certi limiti nella dimensione della costruzione, oppure bisognerà cercare di mantenere un certo equilibrio nella realizzazione di alcuni oggetti.

Livello di difficoltà e backtracking

Sicuramente non si tratta di un titolo con un livello di difficoltà altissimo, ma non parliamo nemmeno di un grado di sfida infimo. Spesso ci si potrebbe ritrovare a provare e riprovare una certa costruzione perché non è in grado di reggere il peso del giocatore, o di mantenersi in equilibrio. In questi casi bisogna cominciare a pensare a soluzioni diverse da quella di partenza, oppure cercare di migliorare l’idea iniziale il più possibile, per fare in modo che sia funzionale.

Nel gioco si trova anche una leggera componente di backtracking data dalle abilità speciali che il giocatore acquisisce andando avanti nella trama. Queste azioni permetteranno di superare ostacoli diversi e di trovare oggetti collezionabili, oppure recuperare ulteriore valuta di gioco all’interno della mappa (la quale cambia di mondo in mondo) per completare i set di abbigliamento a tema con l’ambientazione.

Comparto stilistico e tecnico

Dal punto di vista artistico e stilistico il gioco sicuramente si distingue per la bellezza dei paesaggi realizzati totalmente in mattoncini lego. Dagli alberi alle cascate, dagli animali ai personaggi che animano le città e non solo. La sensazione che si vuole richiamare è quella di rendere vivo un ambiente che potrebbe essere stato costruito dallo stesso giocatore nel mondo reale.

La sensazione di tranquillità è data poi anche dalle musiche, oltre che dal mood prettamente comico che pervade tutto il gioco. Si tratta di una comicità molto leggera, adatta ai più giovani e in grado di rendere il titolo fruibile anche se giocato da bambini più piccoli in compagnia dei propri familiari. Per quanto riguarda il comparto tecnico, nella nostra partita non abbiamo rilevato eccessivi rallentamenti o bug. Il titolo riporta qualche problema di hitbox nei modelli degli ostacoli quando il protagonista si muove nel mondo 3D, ma si tratta di episodi sporadici che non impediscono di godersi il gioco con serenità.

immagini

LEGO Bricktales: in conclusione

LEGO Bricktales non è sicuramente un gioco perfetto, ma è sicuramente un ottimo passatempo se avete bisogno di qualcosa che stimoli la vostra creatività. A discapito di una difficoltà non troppo elevata, ma comunque in grado di incentivare il ragionamento, il titolo porta su Nintendo Switch una tranquillità e una leggerezza che probabilmente non è amata da tutti, ma che gli amanti delle costruzioni non potranno non apprezzare.

LEGO Bricktales è disponibile su Nintendo Switch, PC e console PlayStatione e Xbox dal 12/10/2022 ed è acquistabile tramite Nintendo eShop al prezzo di 29,99 €. Il titolo è disponibile a questo link.