Nintendo non vuole ripetere lo stesso errore di Wii U con la prossima console

Dopo l’annuncio degli ottimi risultati finanziari di Nintendo 107 milioni di unità in tutto il mondo – si è ripreso a parlare della console successiva a Nintendo Switch. In un’intervista agli investitori giapponesi, il presidente di Nintendo, Shuntaro Furukawa, ha parlato dei risultati e del futuro dell’azienda. L’uomo ha anche accennato all’eventuale successore di Nintendo Switch, nonostante avesse affermato in precedenza che la console fosse a “metà del suo ciclo vitale”.

Entra nel Gruppo Telegram di Pokémon Next per seguire tutte le novità e commentarle con gli altri utenti: http://bit.ly/2F95vcD

Furukawa ha riconosciuto che la console non sarà ovviamente in circolazione per sempre; infatti, il passaggio ad una nuova piattaforma che sia il più tranquillo possibile è proprio una delle principali priorità dell’azienda di Kyoto. Il successo di Nintendo Switch ha permesso all’azienda di potersi concentrare sulla pianificazione e lo sviluppo della console per ben 5 anni. L’obbiettivo della grande N è infatti diventato quello di costruire delle “relazioni a lungo termine” con i clienti, al fine di rendere meno rischioso e più graduale il passaggio alla console successiva. Che questo possa voler significare anche la presenza di una possibile retro compatibilità?

Dichiarazione di Furukawa:

“Unlike the past, we continue to have a large variety of games scheduled to be released, even beyond five years of release. This is because the Nintendo Switch has had such a smooth launch, allowing us to focus all of our development resources on a single platform.

However, the question of whether we will be able to just as smoothly transition from the Nintendo Switch to the next generation of hardware is a major priority for us. Based on our experiences with the Wii, Nintendo DS, and other hardware, it is very clear that one of the major obstacles is how to easily transition from one hardware to the next.

To help alleviate this risk, we’re focusing on building long-term relationships with our customers. While we will continue launching new software on the Nintendo Switch, we will also provide services that also use Nintendo Accounts and other IP outside of gaming software. We intend for this to help build a lasting impact with our customers.”

La chiusura del Nintendo eShop e l’interruzione della produzione di Nintendo 3DS ha permesso all’azienda di concentrarsi su un singolo hardware. La console ha continuato e continua a vendere bene sin dalla sua uscita, anche grazie a questa strategia. Tuttavia, arriverà il momento in cui servirà un successore della console ibrida, anche visto il normale calo di vendite previsto per quest’anno.

Fonte