Alcune informazioni trapelate negli ultimi minuti sui circuiti della board anonima 4chan avrebbero svelato un vecchio, misterioso progetto Pokémon per PC.

La storia è la seguente: sembra che nel 2004, la società giapponese iQue, fondata nel 2002 da una joint venture tra Nintendo e Wei Yen, avrebbe proposto un progetto che prevedeva un nuovo videogioco della serie principale Pokémon per PC, e che utilizzasse il Game Boy Advance come controller.

Il gioco sarebbe dovuto essere basato sulla mappa e sulla storia di Pokémon Versione RossoFuoco e Versione VerdeFoglia, con le modalità offline completamente giocabili attraverso il GBA ed altre modalità online fruibili con una connessione internet, tra le quali una Modalità Torneo Online attraverso la quale i giocatori avrebbero potuto vedere i Pokémon completamente in 3D attraverso lo schermo del loro PC, sfruttando i modelli e il codice sorgente di Pokémon Colosseum.

La distribuzione dei Pokémon era totalmente rivisitata, con i mostriciattoli che avrebbero cambiato la loro posizione nella mappa ogni qualvolta il giocatore avesse collegato il gioco ai servizi online, in base alle informazioni del proprio indirizzo IP.

In aggiunta a questo, il gioco prevedeva un nuovo sistema di schiusa delle Uova Pokémon, con il gioco che, collegandosi al server ed in base a determinate variabili come all’orologio interno del server, il tempo meteorologico recente e la percentuale di nascita dei Pokémon nella zona in cui si trovava il giocatore, stabilisse di che tipo di Uovo si trattasse.

Periodicamente, inoltre, era previsto che fossero aggiunti altri Pokémon a quelli presenti al lancio del gioco, con una pianificazione che prevedeva il lancio di una versione GBA con modalità online tra luglio e agosto del 2005, una Modalità Torneo Online tramite lo schermo dei PC giocabile con il GBA come controller tra febbraio e marzo 2006, e per concludere il rilascio della prima mappa da gioco tra luglio e agosto del 2006.

Non ci sorprende che una proposta di questo tipo sia stata rifiutata, ma rimante interessante scoprire questi retroscena su progetti che non sono mai stati realizzati.

Fonte.